Le polizze contro la perdita dell’autosufficienza


Le polizze long term care (LTC), ovvero “cura a lungo termine” sono polizze che coprono il rischio legato alla possibile perdita dell’autosufficienza. Si tratta di polizze particolari che possono essere assimilate in parte a una polizza vita, in parte a una polizza malattia.

long-term-care

Al momento della stipula occorre verificare se vi sia un periodo di carenza, ovvero un breve periodo iniziale in cui la garanzia non è operativa. Questa clausola viene utilizzata dalle compagnia per evitare di stipulare contratti con soggetti che abbiano già avuto avvisaglia del possibile e imminente verificarsi di una situazione di perdita dell’autosufficienza. È inoltre importante verificare le eventuali esclusioni della copertura ricordando che, in ogni caso, sono sempre escluse eventuali malattie preesistenti e non dichiarate dall’assicurato. Non vengono assicurate poi persone già affette da patologie ritenute particolarmente gravi.


Nel caso in cui la polizza long term care abbia le caratteristiche di una polizza vita, il contratto prevede l’erogazione di una rendita che verrà versata al beneficiario dell’assicurazione nel momento in cui si verifichi la perdita dell’autosufficienza. La rendita è vitalizia e dura fino alla morte dell’ammalato. In genere queste polizze possono avere due formule:

  • a vita temporanea, prevedono che il pagamento del premio avvenga solo per un certo numero di anni, indicato in polizza; la copertura varrà comunque per tutta la vita;
  • a vita intera, prevedono il versamento dei premi per tutta la vita dell’assicurato; il pagamento può essere interrotto nel momento in cui si manifesti uno stato di non autosufficienza.

La polizza long term care può assumere anche la forma della polizza malattia. In questo caso il contratto prevede il rimborso delle spese mediche e di assistenza sostenute nel momento in cui si verifica una situazione di non autosufficienza. Conviene controllare se la copertura si riferisce solo alla spese mediche o se sono comprese anche le spese infermieristiche domiciliari e verificare la durata della copertura. Il massimale di spesa viene in genere determinato su base mensile.